Blog

SAFE-UP: il nuovo progetto europeo per la sicurezza stradale

  • December 03, 2021
  • mspaggiari
SAFE-UP

Si chiama SAFE-UP il nuovo progetto di ricerca europeo H2020 di tre anni che fa il punto sulla sicurezza stradale alla luce delle nuove tecnologie di trasporto. Questa iniziativa emerge dal desiderio di continuare a ridurre gli incidenti, una tendenza che negli ultimi anni si è praticamente fermata (sono circa 25.000 le vittime ogni anno). Infatti, nonostante l’andamento generale sia a ribasso, nella maggior parte dei paesi i progressi sono rallentati dal 2013 e, a questo ritmo, l’obiettivo dell’Ue di dimezzare il numero dei sinistri entro il 2030, rispetto alla base di riferimento del 2010 di circa 30.000 vittime, non sarà raggiunto. Favorendo l’innovazione tecnologica, SAFE-UP mira a creare schemi di formazione e sensibilizzazione basati sul riconoscimento dei pericoli da parte di tutti gli utenti della strada.

L’Ai è al centro di SAFE-UP per sviluppare nuovi modelli capaci di proteggere tutti gli utenti della strada

All’interno del progetto saranno quindi sviluppati quattro prototipi di sistemi di sicurezza che implementano una tecnologia attiva e connessa per rilevare ed evitare i rischi di collisione con gli utenti vulnerabili della strada (pedoni, ciclisti e motociclisti, detti anche VRU) e migliorare la sicurezza passiva per proteggere gli occupanti dei veicoli automatizzati. Questi modelli stanno assumendo sempre più rilevanza grazie allo sviluppo dei veicoli autonomi e sono una parte fondamentale di SAFE-UP: i veicoli connessi e automatizzati (CAV) hanno il potenziale di mitigare le situazioni critiche per la sicurezza legate all’errore umano.

Fra i centri di ricerca partecipanti vediamo anche l’Università di Firenze, che sta progettando un modello di motociclista virtuale per replicare le manovre eseguite dai rider nel traffico. Nella stessa direzione si stanno muovendo Aimsun, specialista di modellistica dei trasporti, e Applus+ Idiada, azienda specializzata in servizi di ingegneria automobilistica, impegnate a collaborare per la creazione di un veicolo autonomo di livello 4 che soddisfi i requisiti funzionali necessari per operare in sicurezza mantenendo le prestazioni complessive dell’auto.

Scopri di più su Safe-up >

Torna alle news >

Share