Blog

Al Museo Lamborghini è in mostra l’iconica Countach LP 500

  • October 25, 2021
  • mspaggiari
Museo Lamborghini

Fino al 15 novembre è possibile ammirare la prima Countach LP 500 al Museo Lamborghini. Qui il telaio tubolare nudo di una LP 400, la seconda LP 400 di serie ed una 5000 Quattrovalvole presentati accanto al primo prototipo appena restaurato creano un percorso che accompagna i visitatori in un viaggio alla scoperta dei 50 anni di storia di questo modello leggendario della Casa del Toro.

La Countach LP 500 esposta al Museo Lamborghini sorprende ancora per estetica e funzionalità

Questo esemplare iconico è proprio la vettura sportiva presentata come prototipo al Salone di Ginevra nel 1971, ed è stata protagonista dell’ultimo Concorso di Eleganza di Villa d’Este e poi dell’evento “Countach LP 500: The Shakedown” presso la pista di Vizzola Ticino, alla presenza del collezionista che ne ha commissionato la ricostruzione e dei fornitori che hanno partecipato alla sua realizzazione.

Nell’ambito della collaborazione con Automobili Lamborghini, Pirelli ha infatti messo a disposizione la pista di Vizzola Ticino per i test necessari. Qui il Polo Storico, dopo 25.000 ore di lavoro rese necessarie per la sua ricostruzione, ha avuto la possibilità di collaudare la LP 500 in analogia a quanto compie su strada per validare i lavori di restauro delle vetture prima della riconsegna al proprietario. La stessa location utilizzata per le prove è stata scelta anche per presentare ufficialmente la vettura al collezionista e permettergli di vivere le emozioni di alcuni giri in pista. “Le prove e lo shakedown su pista – ha spiegato Giuliano Cassataro, Head of Service and Polo Storico – ci hanno confermato che la Countach LP 500, oltre che bellissima, è anche funzionale e la maggiore dimensione dei suoi pneumatici rispetto a quelli della LP 400 di serie (40 millimetri in più all’anteriore e 50 al posteriore) conferisce alla vettura un’estetica invidiabile e molto proporzionata, tali da renderla ancora attualissima a distanza di mezzo secolo dalla sua presentazione. Abbiamo ritenuto importante celebrarla insieme al cliente e condividere l’emozione di vederla in moto anche con i fornitori che hanno investito tantissime ore di lavoro nella sua realizzazione.”

Scorpi come visitare il museo>

Torna alle news >

Share