Blog

Stellantis: Manley sarà numero uno delle due Americhe

  • December 23, 2020
  • admin

Manca ormai poco al giorno della creazione di Stellantis che si concretizzerà nella prima metà del 2021, e intanto fa riflettere e ripercorrere il passato lo stesso Elkann. In una lettera inviata a tutti i dipendenti del gruppo il presidente tira le fila del processo che porterà alla nascita di Stellantis, il quarto maggior produttore automobilistico al mondo. Nonostante un 2019 che “ci ha messo alla prova con nuove sfide”, sottolinea Elkann, “siamo riusciti a concluderlo siglando la nostra storica fusione con Groupe Psa e ottenendo ancora una volta risultati eccellenti”.
Un anno, quello che sta per finire, “che nessuno avrebbe mai potuto immaginare” e che ha “richiesto a tutti noi di reinventare il nostro modo di lavorare”, sottolinea il manager. In questo anno difficile per tutto il comparto dell’auto – in Europa nel solo mese di novembre si è registrato un tonfo del 13,5% – il presidente vuole ricordare il ruolo svolto dall’attuale amministratore delegato di Fca Michael Manley. Il manager “ci ha guidati mettendosi in prima linea, determinato a proteggere voi e il vostro lavoro, stando vicino alle nostre comunità e facendo in modo che, con il contributo di tutti, la performance della nostra azienda raggiungesse i massimi livelli”. Non solo, Elkann ricorda che Manley “ha assunto il comando della nostra azienda in circostanze tra le più difficili, a causa della terribile e prematura scomparsa di Sergio Marchionne nel luglio del 2018, e ci ha condotti fuori da quei giorni bui, guidandoci con il suo esempio”.
Parole a cui segue un annuncio atteso dalla comunità finanziaria. Se l’attuale ceo di Psa, Carlos Tavares, assumerà la guida di Stellantis, a Manley spetterà il compito di supervisionare le attività americane del gruppo. “E’ con immenso piacere – spiega Elkann – che oggi vi annuncio che una volta completata la fusione, speriamo presto nel prossimo anno, a Mike sarà chiesto di assumere il ruolo di Head of Americas, lavorando al fianco di Carlos e continuando a mettere a disposizione la sua grande esperienza, l’energia e la determinazione per rendere Stellantis l’azienda straordinaria che siamo certi sarà”. Un ritorno agli Usa per il manager inglese che ha guidato Fca nel dopo Marchionne, da lui scelto personalmente come capo del marchio Jeep ai tempi della fusione con Chrysler.

Share