Blog

Mercato auto: sempre più Suv e sempre meno diesel

  • December 09, 2019
  • admin

È l’Anfia, associazione costruttori nazionali a fare una fotografia del mercato italiano a novembre. Dalla ricerca si scopre che il segmento dell’alto di gamma registra un aumento delle vendite del 13%, mentre le vendite dei segmenti A e B si riducono del 6,5% e la loro quota è del 38%. Crescono le vendite di auto del segmento C (medie-inferiori) del 5% e calano quelle del segmento D (medie) dell’8%. In aumento le vendite di monovolumi del 9%, con una quota di mercato del 5%. Le immatricolazioni di suv di tutte le dimensioni aumentano del 10% e raggiungono quota 41,5%. Nel cumulato dei primi undici mesi del 2019, i segmenti A e B risultano in calo del 2%, con una quota del 39%, le medie-inferiori (segmento C) calano dell’11,5% con il 10% di quota, le medie (segmento D) risultano in calo del 15% con il 2% di quota e i suv di tutte le dimensioni crescono del 9% con una quota del 40%. A novembre prosegue il calo delle vendite di auto diesel: la flessione – sempre secondo i dati di un Focus Anfia sul mercato italiano – è del 16,5% (dopo i cali del 31% di gennaio, del 21% di febbraio, del 25% di marzo, del 22% di aprile, del 20% a maggio, del 22,5% a giugno, del 27% a luglio, del 34% ad agosto, del 13% a settembre e del 13% ad ottobre), mentre la quota si attesta al 37% del mercato, 8 punti in meno rispetto a novembre 2018. È in crescita, invece, il mercato delle auto nuove a benzina, con un aumento delle vendite nel mese del 15% con una quota che ha raggiunto il 46% (5 punti in più di novembre 2018). Le auto ad alimentazione alternativa rappresentano il 17,4% del mercato, in crescita del 25%. In diminuzione le immatricolazioni di auto Gpl dell’8%, mentre, dopo diverse brusche frenate, continua a crescere il mercato delle auto a metano, che nel mese registra un aumento del 108%, dopo quelli del 287% di ottobre, del 188% di settembre, del 35% di agosto e del 19% di luglio. La quota di mercato delle autovetture a metano è del 3%, in crescita soprattutto tra i privati.

Share