Blog

Auto elettriche, Emilia Romagna in pole position

  • October 09, 2019
  • admin
Electric vehicle changing on street parking with graphical user interface, Future EV car concept

Le vetture a batteria, ibride o elettriche, volano in Emilia Romagna, anche se ovviamente la parte del leone lo fanno le vetture “hybrid” con l’elettrico puro che rimane ancora un prodotto di nicchia. Tanto da far dire al vicepresidente e assessore ai trasporti della regione, Raffaele Donini, che “per una vera svolta servono ben altri numeri”. Rispetto al 2016 i veicoli ibridi di nuova immatricolazione a livello regionale sono cresciuti del 61% (circa 7.000 In più). E la regione ha stanziato ad contributi per 6.980 Cittadini che hanno acquistato auto ibride: 2.045 nel 2017, 3.661 nel 2018 e 1.184 finora nel 2019.
Sul piatto, la regione ha messo sia l’ecobonus da 3.000 euro (che vale però per tutti i mezzi non inquinanti, compreso elettrico, metano e gpl) e l’incentivo pari al valore del bollo (massimo 191 euro) per tre anni. L’obiettivo dell’Emilia Romagna è arrivare a 100.000 veicoli ibridi di nuova immatricolazione entro il 2025.
Quelli elettrici invece sono ad oggi in totale 603 in tutta l’Emilia Romagna, ovvero lo 0,07% delle nuove immatricolazioni. “Siamo fra le prime tre regioni in Italia per la mobilità elettrica, ma vogliamo fare molto di più. Per questo, afferma Donini, “entro il 2025 arriveranno 300 nuovi bus elettrici e ibridi”. Ad oggi ne sono in circolazione 224, ovvero il 18% del totale dei bus urbani.
Quanto alle auto elettriche, la regione Emilia Romagna ha previsto l’esenzione del bollo per i primi cinque anni. Inoltre ha stanziato 2,4 milioni di euro per l’acquisto di 103 veicoli elettrici per la pubblica amministrazione e stipulato accordi con i comuni sulle regole di accesso ai centri storici e i parcheggi gratuiti per le auto elettriche.
Sono inoltre attive 174 colonnine di ricarica interoperabili, con un piano per arrivare a 2.000 entro il 2020 (di cui 1.500 a carico delle aziende di fornitura di energia), con un investimento complessivo di 18 milioni di euro.

Share