Blog

Battaglia sui dazi auto Usa-resto del mondo, sei mesi di tregua

  • May 23, 2019
  • admin


Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, intende rinviare di sei mesi la decisione se imporre dazi punitivi del 25% sulle importazioni di auto negli Stati Uniti. Secondo media statunitensi, tra cui la Cnbc, Trump vorrebbe provare la via dei negoziati prima di imporre nuove tasse all’importazione. Le case automobilistiche tedesche sono particolarmente preoccupate per la minaccia tariffaria, ma l’inquilino della Casa Bianca e il presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, hanno dichiarato una tregua nel luglio 2018 per permettere una trattativa commerciale.
Trump avrebbe dovuto decidere sui dazi che preoccupano l’Unione europea – in particolare la Germania -, il Giappone, il Messico e il Canada, poco tempo fa, valutando l’opportunità di implementare le tariffe doganali in base alle preoccupazioni per la sicurezza nazionale. I funzionari Ue hanno ripetutamente dichiarato di aspettarsi che gli Stati Uniti rispetteranno l’accordo di non imporre nuove tariffe, ma secondo la legge statunitense Trump dovrebbe prendere una decisione 90 giorni dopo aver ricevuto il rapporto dal dipartimento del Commercio sulla presunta minaccia alla sicurezza nazionale nel settore automobilistico americano. Se decide di imporre tariffe, le stesse devono entrare in vigore 15 giorni dopo l’annuncio. Tuttavia la legge consente al presidente Usa di ritardare l’imposizione di dazi di 180 giorni, se decide di negoziare. La Casa Bianca è attualmente impegnata in un dialogo per ottenere accordi commerciali con l’Ue e il Giappone e alla fine dell’anno scorso ha ottenuto un accordo rivisto con i partner commerciali nordamericani, Messico e Canada.

Share