Blog

Iperti: “Così la connettività salverà tante vite”

  • January 30, 2019
  • mcapelli

“La connettività – spiega Maurizio Iperti, AD di LoJack Italia e Vice President di LoJack Europe – viene oggi in soccorso degli automobilisti in modo concreto ed efficace. Un valido e rivoluzionario aiuto è arrivato dalla eCall, la chiamata automatica di emergenza al numero unico 112 che da fine marzo 2018 è obbligatoria su tutte le vetture di nuova omologazione, secondo quanto previsto dalla normativa europea. L’eCall, secondo le stime, porterà a una riduzione dei tempi di risposta dei servizi di emergenza sanitaria del 50% nelle aree rurali e del 40% in quelle urbane. Grazie a questo risparmio di tempo, si possono salvare fino a 2.500 vite ogni anno in tutta l’UE, e ridurre la gravità delle ferite in migliaia di casi”.

“In questo scenario – continua Iperti – l’Italia vanta un primato: è già partita con la sperimentazione della eCall, in anticipo rispetto alla tabella di marcia europea, grazie alla collaborazione tra Tsp Association (di cui facciamo parte) e l’Areu Lombardia, Agenzia Regionale Emergenza Urgenza. Laddove la rapidità dell’arrivo dei soccorsi può contribuire a ridurre i rischi per salvare delle vite umane, il sistema ‘private eCall’, questo il suo nome, ha un impatto sociale di enorme rilevanza e pone, ancora una volta, l’Italia in pole position nei servizi disponibili, grazie all’utilizzo delle tecnologie di telematica applicate ai veicoli”.
“La Tsp Association – conclude l’Ad di LoJack Italia – ha un importante ruolo di filtraggio delle reali emergenze indirizzato a non affollare inutilmente il sistema/infrastruttura delle emergenze sanitarie, verificando i cosiddetti falsi positivi. Nel solo secondo trimestre dell’anno in corso l’Associazione ha verificato oltre 185mila alert giunti dalle black box, constatando che in soli 6 casi andava richiesta effettivamente il supporto sanitario. Proprio la riduzione drastica dei falsi positivi costituisce il primo margine di crescita che le black box hanno davanti a sé”.

Share