Blog

A Rovereto il forum su nuove tecnologie di mobilità

  • December 03, 2018
  • mcapelli

Car sharing, car-pooling, auto a guida autonoma. Le revenue per le compagnie verranno sempre meno dalla vendita di prodotti e sempre più dai servizi: MaaS, Mobility as a Service. Innovazioni, sistemi e imprese legate all’industria 4.0 dove l’integrazione uomo-macchina acquisisce sempre di più un ruolo cruciale. Queste solo alcune delle tematiche che verranno affrontate nel corso del Forum Innovazione Mobilità Sostenibile in programma a Rovereto il prossimo 5 dicembre.

Entro il 2022 si prevede saliranno i fatturati delle aziende che forniscono i servizi di connettività, passando dai 35,5 miliardi di dollari del 2015 a 115,9 miliardi di dollari. Segno di un mercato in forte espansione e caratterizzato da elevato dinamismo.
Secondo le cifre raccolte da FIMS, il Forum Innovazione Mobilità Sostenibile, promosso da BioEcoGeo con il giornalista Emanuele Bompan ed ospitato da Trentino Sviluppo, i profitti del settore mobilità aumenteranno in modo significativo e si diversificherà verso servizi di mobilità su richiesta e servizi basati sui dati. Questo potrebbe creare fino a 1.5 mila miliardi di dollari – o il 30 per cento in più – in un potenziale di entrate aggiuntivo nel 2030.

Il forum sarà l’occasione per capire dove sta andando l’innovazione e la prototipazione del futuro. Si parlerà di nuovi servizi per la mobilità, sistemi collaborativi per rivoluzionare la mobilità (sempre più elettrica), Cloud computing e IoT, auto a guida automatica e intelligenza artificiale. Un evento pensato per offrire soprattutto un momento di riflessione, con presentazioni brevi, multimediali e straight-to-the-point per fornire spunti e intelligence per imprenditori innovativi, startup, esperti della sostenibilità, studenti universitari, incubatori, ingegneri e designer.

Tra gli ospiti invitati CISCO, FCA, Car2Go, JoJob, SiWeGo, Energy, T&E, Antemotion, E-AGLE Trento Racing Team e Università di Trento. Ospite speciale Local Motors, che presenterà Olli, un trasporto condiviso, a guida automatica e a trazione elettrica.
L’evento si aprirà con una riflessione introduttiva su come sarà l’auto del futuro e come cambierà l’impatto del trasporto sull’ambiente. Il focus degli interventi successivi verterà sulla gestione delle flotte aziendali come alternativa di mobilità eco-sostenibile, con la possibilità di raccogliere in ogni momento dati sulla posizione dei veicoli, sulla presenza di eventuali problemi, sul loro consumo in tempo reale e persino sul comportamento del conducente.

Share