Blog

Promotor, ecco perché cala il mercato dell’auto: frenata economia, WLTP e attacco a diesel

  • December 21, 2018
  • admin

A novembre nell’Unione Europea sono state immatricolate 1.121.162 auto nuove, con una diminuzione dell’8,0% sullo stesso mese del 2017: da inizio anno il totale è di 14.160.278 unità vendute, +0,8% sulle 14.046.351 dell’anno precedente. Lo comunica Acea, l’associazione dei costruttori europei sottolineando che aggiungendo i tre paesi dell’Efta (Svizzera, Islanda e Norvegia) il calo del mercato sale all’8,1% con 1.158.300 autovetture immatricolazioni e un consuntivo dei primi undici mesi a +0,6% sullo stesso periodo del 2017.

A livello di costruttori a novembre il primo gruppo è stato Volkswagen con 265.814 unità vendute (-10,9% annuo) e una quota scesa di 0,8 punti al 23,7%. Alle sue spalle Psa con 185.971 unità (-5,8%) e una quota salita di 0,4 punti al 16,5%. Seguono Renault in calo del 16% e una quota scesa al 10,3% mentre Fca che conferma il suo 6% con un calo dell’8,1% in linea con il mercato e 67.173 unità vendute. Sul calo di novembre – secondo Gian Primo Quagliano, presidente del Centro Studi Promotor – hanno influito essenzialmente tre fattori.

Innanzitutto l’entrata in vigore del nuovo sistema di omologazione WLTP sta ancora determinando per alcune case una carenza di prodotto.

In secondo luogo il quadro economico della zona euro è in rallentamento e infine la demonizzazione del diesel che sta determinando un rallentamento nelle decisioni di sostituzione di vecchi diesel con effetti negativi anche sull’ambiente.

Share