Blog

Consumi, ecco come si finanzia l’auto nuova e usata

  • December 18, 2018
  • mcapelli

Young car salesman selling to a customer with documents in hand

Secondo Findomestic è “inarrestabile” la progressione dell’e-commerce, passato dai 14,3 miliardi di euro del 2014 ai 27,4 miliardi di euro del 2018, cifra suddivisa tra il 44% da servizi, con il turismo (35,8%) in prima fila, e per il 56% da beni materiali, dall’informatica e dall’elettronica (16,8%) all’abbigliamento (10,6 %), dall’arredamento (5,1%) ai generi alimentari (4%) e all’editoria (3,6%). Tra i beni durevoli sono in forte crescita i mobili (+50%), l’elettronica di consumo (+30%), l’home comfort (+24%) e la telefonia (+23%). Online si comprano meno soltanto i prodotti della fotografia (-7%), che però continua a rappresentare il segmento in cui l’incidenza dell’e-commerce è più elevata  con un peso del 26%.

Quanto al credito al consumo, la crescita dura ininterrotta da 7 anni con erogazioni previste per 67 miliardi di euro (+3,9%) nel 2018. saldo positivo del 3,9%. Nel settore dei beni durevoli il ricorso al credito al consumo aumenta quando l’esborso si fa più elevato per il consumatore. Nel mercato dell’auto nuova il 75% degli acquisti avviene a rate, quota la quota si alza al 90% per l’auto usata e al 92% per le moto.
Mediamente un finanziamento va dai 15mila euro per l’auto nuova ai 10.400 quella usata, per scendere a quota 4.600 per i motoveicoli, 840 euro per gli elettrodomestici e l’elettronica e 2.500 euro per i mobili e l’arredo in genere. In Italia i prestiti erogati online sono il 4% del totale, segmento in cui a Findomestic (40%) spetta la parte del leone.

Share