Blog

Milano AutoClassica, i saloni rinascono con le classic car

  • November 26, 2018
  • mcapelli

Si è appena conclusa domenica 25 novembre alla Fiera di Milano una vetrina tra le più eleganti d’Europa, l’ottava edizione di Milano AutoClassica, la mostra mercato di vetture classiche e moderne che fanno battere il cuore e fanno sognare il pubblico di visitatori. Le tre regine della manifestazione sono state Porsche 906, Porsche 550 RS Spyder e Porsche 356 A Carrera GS/GT Speedster. Tre vetture dal fascino senza tempo, solitamente inaccessibili a chi non frequenta i circuiti di Laguna Seca in California o di Le Mans in Francia che sono eccezionalmente a disposizione del pubblico dell’ottava edizione di Milano AutoClassica.
Allo stand Leoni svelata in anteprima mondiale l’automobile Leoni EXTREMA, lo Sport Activity Vehicle, (acronimo coniato da Leonardo Foschi, ideatore del progetto) ovvero un mezzo che combina le abilità di un suv con l’esuberanza di una vera supercar lussuosa : una 2 porte a 4 posti spinta da un generoso 12 cilindri da 730 CV con un’architettura che ricorda quella dei “buggy” protagonisti dei grandi rally-raid nel deserto.

Anche Lotus ha proposto un’anteprima italiana con la splendida supercar Exige 410 Sport, allo stand di PB Racing, accanto al restyling dell’Exige 350 Sport MY2019.
I marchi più prestigiosi hanno esposto i loro modelli più attuali, accanto ad alcune icone del passato : Alpine cars (con Alpine A110 Premiere Edition Nera 1085, Alpine A110 Pure Bianco Iridato e Alpine A110 Pure Blu accanto alle intramontabili Alpine A110 Rosso 1600 S e Alpine A110 Blu Alpine, entrambe del 1971), Bentley (con nuova Continental Gt e Bentayga W12),BMW Club Italia, Ferrari Rossocorsa (con Ferrari 750 Monza, Ferrari 166 S e Ferrari 365 GTC ); McLaren (con McLaren 720S e McLaren 570S Spider), Musei Ferrari (con F1 126 CK), Pagani (con Zonda S e Zonda F) e Porsche Classic Partner Milano Est (con 911 S Targa 2.4 del 1963, 356 Speedster del 1958, 912 del 1968, una 993 Carrera 2 cabriolet del 1995 e un telaio di una 911 T Targa del 1968, prossimo progetto di restauro).

Curiosando tra gli stand RUOTE DA SOGNO, al Pad.18, è stata presentata un’interessante selezione di 40 modelli tra auto e moto che hanno lasciato l’atelier di Reggio Emilia per approdare alla kermesse milanese: esemplari di grande rarità, vere e proprie icone di stile, in perfette condizioni e pronte per essere rimesse in moto. Tra queste, una leggendaria coppia di Alfa Romeo Giulia Sprint GTA in configurazione da Corsa e Stradale, uno degli introvabili 167 esemplari di BMW 3.0 CSL “Batmobile”, una Lancia Aurelia B24 S Spider, protagonista del film di Dino Risi “Il Sorpasso” e una Delta Dealers Collection, vera icona delle Youngtimer.
Durante la prima giornata di manifestazione, una giuria formata dalla redazione di Ruoteclassiche e i suoi esperti, guidata dal direttore David Giudici, ha selezionato le automobili più meritevoli tra quelle esposte con 12 categorie in gara. Il premio “miglior restauro” è stato conferito ad una Mercedes 300 SL e il premio “miglior Youngtimer” ad una Fiat Barchetta (km zero).

Share